Questa è un argomentazione logica, vale a dire che non è legata a nessuna fede o religione particolare.

La fede cristiana è qualcosa di molto più profondo e vivo, qualcosa che ha bisogno della razionalità ma che, allo stesso tempo, va oltre la dimensione strettamente logica e razionale.

Alcuni (anche cristiani) dubitano della validità di questa argomentazione, la quale convince tuttavia la stragrande maggioranza delle persone

 

 

Premessa:

E' da tutti riconosciuto che il principio fondamentale di ogni scienza, di ogni fatto quotidiano,di ogni fenomeno naturale o artificiale, è il principio di causa-effetto. Cioè ogni fatto, realtà, dinamica, cosa, elemento naturale ecc. è determinato da una o più cause.

Se un pallone si muove vuol dire che qualcuno lo ha calciato;

se un quadro è appeso al muro e non cade, significa che c'è una forza che gli impedisce di cadere;

se c'è un cagnolino vuol dire che è stato partorito dalla madre.

Non esiste nulla in natura, nell'uomo, nel comportamento, nelle scienze ecc. che non sia stato determinato da qualcosa o qualcuno

Per ora mettiamo da parte questo concetto e andiamo avanti

 

Un altro elemento FONDAMENTALE di TUTTO quello che esiste e che succede è L'INIZIO. Ogni realtà, ogni persona, ogni elemento, ogni dinamica naturale esiste perché ha avuto un inizio.

Io vedo una persona...di quella persona so che ha iniziato ad esistere.

Vedo un gabbiano che vola....so che in un dato momento ha iniziato ha volare. 

 

 

Vediamo un esempio per comprendere meglio l'importanza fondamentale dell'INIZIO*

 

Io vado a comprarmi una pizza. Entro in pizzeria e faccio la fila per ordinarla. Arriva un signore che mi dice:

Guardi che per prendere la pizza deve avere il numero e solo quando chiamano il suo numero potrà ordinarla”

Allora io vado a fare la fila per poter prendere il mio numero. Mentre sto facendo la fila arriva un altro signore che mi dice:

Guardi che per prendere questo numero deve fare un’ altra fila e prendere un altro numero, solo quando avrà quell'altro numero potrà fare la fila per avere questo numero, per poi comprare la pizza”.

Io, spazientito, vado a fare l'altra fila. Però mentre sto facendo la fila arriva un altro signore che mi dice:

Guardi che per prendere questo numero deve fare un’ altra fila e prendere un altro numero, solo quando avrà quell'altro numero potrà fare la fila per avere questo numero che le servirà per avere il numero che le servirà per comprare la pizza”.

Più passa il tempo e più si aggiungono file su file. Appare chiaro una cosa:

Non riuscirò mai a comprarmi una pizza.

Passerò sempre di fila in fila. Più passa il tempo e più mi allontano dalla mia pizza.

 

Sono sconsolato, ma ad un tratto vedo delle persone che stanno uscendo dalla pizzeria con la loro pizza in mano.

Come avranno fatto a comprarla?

 

C’è solo e solamente una risposta possibile.

Una sola: 

Ad un certo punto quelle persone sono arrivate ad una fila …la fila di INIZIO (che magari è la miliardesima) e nessun signore gli ha detto di fare un’altra fila.

Cioè sono riusciti finalmente a prendere il numero di quella fila e hanno potuto, con il numero finalmente preso, rifare tutto il percorso al contrario, di fila in fila verso la pizza.

 

 

Quindi se hanno la loro pizza in mano significa che esiste per forza una fila di INIZIO, da dove iniziare il percorso, altrimenti sarebbero ancora a vagare di fila in fila

 

Mettiamo per un po’ da parte questo esempio.

 

 ------------------------------------

 

Altro passaggio della dimostrazione.

Prendiamo l'esempio di un foglio, ma possiamo prendere come esempio qualsiasi cosa, persona, animale, pianeta, fenomeno, comportamento ecc. ecc. 

 

Io ho un foglio di carta in mano. Mi faccio delle domande.

 

Da dove viene? Me l' ha venduto il cartolaio.

Il cartolaio dove l' ha preso? Dal fornitore.

Il fornitore dove l' ha preso? Dalla fabbrica.

Le domande sono tantissime, si arriva ad esempio all'albero dal quale si estrae la cellulosa (utile per fare la carta), poi si arriva al seme dell'albero e così via.

 

Ci sarà mai un inizio in questa catena? In questo susseguirsi di cause-effetto?

La risposta è si.

 

E’ come per la pizza, è la stessa cosa..

Se non ci fosse un inizio allora io non avrei il mio foglio di carta in mano!!

Il foglio di carta non esisterebbe 

 

Se io vedo una persona con la pizza vuol dire che c'è la fila di inizio, se invece non vedessi nessuna persona con la pizza allora non esisterebbe una fila di inizio.

 

Se io ho il foglio di carta in mano vuol dire che esiste un punto di partenza.

La prova che esiste un punto di partenza è che il foglio di carta esiste.

 

Solo il punto di partenza può “sostenere” tutta la catena che ha portato alla formazione del foglio di carta; è un po' come il gioco del domino...ci deve essere per forza una prima mattonella che cade, per poi far cadere tutta la fila.

 ------------------------------

Ora vediamo se questo inizio fa parte della natura oppure no.

 

Se fa parte della natura, della scienza ecc... anche questo inizio ricadrà sotto il principio di causa-effetto. Senza causa-effetto siamo fuori dalla scienza e dalla natura, sia essa spaziale o terrestre

 

Se questo inizio è veramente inizio, per forza di cose non avrà nulla che lo precede, nulla che lo abbia causato, altrimenti non sarebbe inizio.

 

Se l' inizio avesse qualcosa che lo precede, che lo causa, allora non sarebbe l' inizio...perché l'inizio non ha logicamente nulla che lo precede.

 

L’inizio quindi non ha nulla che lo precede, nulla che lo causa; quindi si “toglie”, si “stacca” dal principio di causa-effetto, non è più sottoposto a tale principio.

Viene cancellata la causa dell'inizio....ovvio, altrimenti non sarebbe inizio...dunque siamo fuori dal principio di causa-effetto

 

 

Abbiamo visto che ogni cosa in natura è causata da qualcos’altro.

 

Ogni fenomeno, ogni avvenimento, ogni situazione, ogni essere in natura è quindi sottoposto al principio di causa-effetto.

 

Allora, necessariamente, l’inizio (che non è causato da nulla, altrimenti non sarebbe “inizio”) è sopra la scienza, è sopra la natura ecc. perché non è sottoposto al principio di causa-effetto....è causa di se stesso

Un INIZIO, cioè un qualcosa che non ha nulla che lo causi, è un qualcosa PER FORZA SUPERIORE ALLA NATURA

 

E' qualcosa o meglio qualcuno di sopranaturale, di soprascientifico: cioè Dio

 

Ovviamente Dio non è stato creato da nesssuno....se qualcuno avesse creato Dio, la domanda successiva sarebbe: "Chi ha creato quel "qualcuno" ?

Saremmo dunque al punto di prima, alla nostra catena naturale e scientifica di causa-effetto, ma abbiamo visto che rimanendo in questa catena nullla di quello che esiste esisterebbe, perché mancherebbe l'INIZIO di tutto.

MA L'INIZIO DI TUTTO INVECE ESISTE, PER FORZA DI COSE E' SOPRA LA SCIENZA, SOPRA LA NATURA, SOPRA LA CATENA DI CAUSA-EFFETTO.....STIAMO PARLANDO DI DIO 

 

La massa, la materia primordiale che ha dato (o meglio avrebbe dato) origine al Big Bang, non può essere l'inizio.

Perché?

 

Perché la materia, di qualunque tipo sia (anche l'energia è un tipo particolare di materia), fa pienamente parte della natura e come ogni sostanza naturale è sottoposta al principio di causa-effetto, quindi ha bisogno di un qualche cosa che l'abbia prodotta, quindi non è inizio.

 

Qualunque materia non può rappresentare l'inizio perché fa pienamente parte della natura.

 

Solo il sopranaturale può essere "inizio". Solo Dio.

 

Dio, essendo superiore alla natura, è dunque superiore al tempo

Quindi è sempre esistito - non ha avuto inizio, altrimenti sarebbe anch'egli naturale, perché ricadrebbe nel principio di causa-effetto (cioè sarebbe causato da qualcosa in un determinato tempo)

 

Dio, naturalmente, non si è limitato a creare l'universo, ma provvede costantemente alla vita d'ognuno 

 

 IMPORTANTE

* Ovviamente Dio, non facendo parte della natura e dunque non essendo sottoposto alle leggi del tempo e dello spazio, esiste da sempre/non ha avuto bisogno di iniziare ad esistere...

altrimenti Dio non sarebbe Dio se c'era un tempo, prima del suo inizio, nel quale lui non esisteva

Ricordiamo che il tempo, come lo spazio, è una dimensione naturale....anzi il tempo, come lo spazio, è il fondamento della natura. Dio è sopra la natura, dunque non è sottoposto al tempo...non ha avuto bisogno di un tempo nel quale nascere...è sempre esistito...è il vero inizio dell'universo